inizio pagina
 
 

Armonia in rete

 

Teoria dell'Armonia

13 - Accordi alterati - Sesta Napoletana e Seste eccedenti


Nel linguaggio tonale è abbastanza frequente verificare lo scambio di suoni tra i due modi (Maggiore e minore).
Nella scala minore è quasi sempre impiegato il settimo grado innalzato, tipico del modo Maggiore (scala minore armonica)

min RMONICA

nella scala Maggiore si può trovare il VI grado abbassato (tipico della scala minore) che dà origine alla scala Maggiore armonica.

magg armonica

Oltre a questi gradi 'di scambio' è frequente incontrare il II grado abbassato, che origina la scala Napoletana.

napoletana

il IV grado innalzato che tonicizza il V grado

IV innalzato

La presenza di questi gradi alterati in combinazioni accordali dà origine ai cosiddetti accordi alterati.

 

Accordo di sesta Napoletana
Ha come basso reale il IV grado, può essere impiegato nella cadenza composta (IV - V - I), oppure in cadenza Plagale (IV - I)

E' il primo rivolto della triade costruita sul II grado abbassato.

Napoletana

Accordi di Sesta eccedente
Sono accordi che contengono contemporaneamente il VI grado abbassato (o minore) e il IV grado innalzato. I due gradi formano tra loro un intervallo di sesta eccedente che dà il nome a questa categoria di accordi.
Le numeriche si riferiscono alla formazione intervallare e alludono a rivolti di triade o settima, tuttavia questi accordi alterati vengono impiegati quasi esclusivamente nella forma illustrata nell'esempio: VI grado abbassato (o minore) e, in sovrapposizione, gli intervalli indicati
Seste eccedenti
L'intervallo che caratterizza questi accordi si trova tra il Basso (VI grado minore o abbassato) il in IV grado innalzato (Fa# in questo esempio).

La sesta eccedente Svizzera può essere intesa come una variante della Tedesca (i due accordi sono enarmonici), la differenza tra i due accordi
viene evidenziata dal successivo movimento della 5^ (nella Tedesca) e della 4^ più che eccedente (nella Svizzera).

Sono accordi che appartengono alla categoria della Sotto-dominante, la nota del basso (VI grado) tende a scendere al V.

Nel repertorio più recente è possibile trovare questi accordi con disposizione diversa dei suoni, il loro carattere tuttavia non muta sensibilmente: la tendenza del'accordo è quella di covergere sulla Dominante.

A proposito degli accordi alterati (e di quelli complessi in genere) si può ossevare che essi nascono spesso dai movimenti melodici delle voci, più che da una volontà armonica ben chiara. In altri termini: l'esigenza di convergere sul 5^ grado, ad esempio, stimola la ricerca di movimenti sempre nuovi per ottenere tale scopo.

Grieg, Ballata op. 24 n. 1
Grieg op. 24

Avvertenza: La conformazione particolare della sesta tedesca provoca errori di collegamento (due quinte dirette) se collegata direttamente con l'accordo sul V grado, per questo, la soluzione adottata comunemente è quella di collegarla con l'accordo di I grado in secondo rivolto (cadenza coposta di secondo aspetto)

Tedesca errore

Non è raro trovare la risoluzione diretta sull'accordo del V grado:
E. Grieg, Ballata op. 24 n. 1
Grieg, Ballat n. 1
come si nota nell'esempio l'accordo di Sesta tedesca collegato al V grado comporta la successione di due quinte consecutive.

_____________________________
PROVE PRATICHE - Lezione 13

Accordi alterati (pdf)

 

Le esercitazioni grafiche e sonore sono a disposizione liberamente per l'uso privato. Se utilizzate in occasioni pubbliche si prega di citare la fonte
Armonia in rete
2016
I contenuti del sito, in tutte le sue parti, sono di composizione originale e non soggetti ad alcuna forma di Copyright.
Il materiale accademico è consultabile liberamente (in quanto atto pubblico)


aggiornamento: