inizio pagina
 
 

Armonia in rete

 

Teoria dell'Armonia

10 - Settime di tutte le specie


in questa lezione:

- preparazione della dissonanza

- le sette specie di settima

- rivolti degli accordi di settima

- forma incompleta degli accordi di settima

- accordo di settima di quinta specie (settima diminuita)


Preparazione della dissonanza


Con questo termine (preparazione) si intende il procedimento da applicare ad alcuni tipi di dissonanza.
Una dissonanza 'naturale' e una dissonanza 'artificiale' si differenziano per la loro natura fonica e per il riferimento che hanno con la successione degli armonici.
Come abbiamo notato nella Lezione n. 6, l'accordo di settima di Dominante è formato dai primi sette suoni armonici, quindi si definisce 'naturale' e non necessita di preparazione. Altri accordi di settima sono invece prodotti per analogia con la settima di Dominante, e si definiscono 'artificiali', la dissonanza (la 7°) ha bisogno di preparazione.

La preparazione della dissonanza prevede tre momenti:

1 - preparazione: la nota che diventerà dissonante si trova nella stessa voce, è consonante ed ha almeno pari valore rispetto alla successiva dissonanza.
2 - percussione: l'accordo cambia, la nota preparata diviene dissonante (generalmente sul tempo forte della battuta).
3 - risoluzione: la nota dissonante si muove verso una consonanza (generalmente scende di grado)

sensibile 1

Si considera preparata la settima 'di passaggio'. se è preceduta da una grado superiore e scende di grado.
settima di passaggio

 

La preparazione della dissonanza viene applicata anche al ritardo (vedi Lezione n. 15)

 

Le sette specie di settima


Su ogni grado della scala di modo Maggiore e minore armonica è possibile costruire accordi di settima.
Così come si è visto per le Triadi, anche per le Settime questa operazione comporta un'attenta analisi degli intervalli di ogni singolo accordo.
Scala Maggiore

Scala minore


Vediamo gli accordi nel dettaglio:

Settima di quarta specie
E' formata da 3° maggiore, 5° giusta e 7° maggiore
artificiale (la 7° deve essere preparata)

 

4-specie
Capita sul I e IV grado della scala maggiore
e sul VI della scala minore


Settima di seconda specie
E' formata da 3° minore, 5° giusta e 7° minore
artificiale (la 7° deve essere preparata)

Seconda specie

Capita sul II, III e VI della scala maggiore
e sul IV grado della scala minore

- Sul terzo grado della scala maggiore capita una settima di seconda specie.
- Sul quarto grado della scala Maggiore, come abbiamo visto, si costruisce una settima di quarta specie
- Sul quinto grado del modo Maggiore e minore si costruisce la settima di Dominante, prima specie (uguale nei due modi)
E' formata da 3° maggiore, 5° giusta e 7° minore.
(per approfondimenti sulla settima di Dominante vedi la Lezione n. 6)
naturale (non serve preparazione)
- Sul sesto grado della scala maggiore capita una settima di seconda specie

Settima di terza specie (o Settima semi-diminuita)
E' formata da 3° minore, 5° diminuita e 7° minore
Naturale - Artificiale

Terza specie
Capita sul VII grado della scala maggiore
e sul II grado della scala minore


Si considera una Nona di dominante con nona maggiore senza fondamentale
E' naturale se sul VII grado maggiore, artificiale se sul secondo grado minore (per estensione si può considerare naturale in ogno caso)
Rimangono le specie di settima tipiche della scala minore armonica:

Settima di quinta specie (o Settima diminuita)
E' formata da 3° minore, 5° diminuita e 7° diminuita
naturale (non serve preparazione)

Quinta specie

Capita sul VII grado della scala minore armonica

viene definita anche Nona di Dominante con nona minore senza fondamentale.
(per approfondimenti vedi la Lezione n. 14)

Settima di sesta specie.
E' formata da 3° minore, 5° giusta e 7° maggiore
artificiale (la 7° deve essere preparata)

Sesta specie

Capita sul I grado della scala minore armonica

Settima di settima specie
E' formata da 3° maggiore, 5° eccedente e 7° maggiore, artificiale
(la 7° deve essere preparata)

Settima specie

Capita sul III grado della scala minore armonica


La settima dell'accordo, essendo una dissonanza, deve scendere per grado congiunto (tono o semitono).
In ambito cromatico l'intervallo di settima può essere risolto con un movimento di semitono cromatico discendente.

 

Rivolti degli accordi di settima


Ogni accordo di settima delle diverse specie può presentarsi o in stato fondamentale oppure in uno dei suoi rivolti.
Ricordiamo che i rivolti in questione sono tre.

Esempio: Settima di seconda specie con fondamentale SOL allo stato fondamentale e rivoltata
fondamentale
Primo rivolto (3° /5° /6°)
primo
Secondo rivolto (3° /4° / 6°)
secondo
terzo rivolto (2° /4° /6°)
terzo

Si noti che la numerica dei rivolti è comune a tutte le specie di settima, cambia invece la qualità degli intervalli



Forma incompleta degli accordi di settima


Si ottiene sopprimendo la 5° dell'accordo e raddoppiando il Basso.

Esempio 1 - Settima di Dominante nelle due forme
dominante

Esempio 2 - Settima di seconda specie nelle due forme
seconda specie

E' una forma che si impiega spesso in Cadenza perfetta (Settima di Dominante) e nelle progressioni di settime (vedi la Lezione n. 18), in cui questi accordi vengono alternati nella forma completa e forma incompleta:
progressione

Accordo di Settima di quinta specie (settima diminuita)


Questo accordo ha alcune caratteristiche che lo rendono particolarmente flessibile in varie circostanze, in particolare nel processo della modulazione:
- è 'naturale', non necessita si preparazione
- è possibile costruire solo tre di questi accordi, perché, da soli, contengono tutti i 12 suoni del totale cromatico

Totale cromatico

- è formato dalla sovrapposizione di 3° minori (tutti i suoi rivolti sono formati da 3° minori, quindi identici fonicamente al fondamentale)
- ciascun suono che compone questo accordo può mutare funzione: può essere sensibile, II grado, IV grado, VI grado abbassato (attraverso opportune trasformazioni enarmoniche)


Esempio:
Enarmonia

l'accordo SI - RE - FA - LAb (quinta specie con fondamentale SI, sensible di DO Maggiore o minore), può diventare SOL# - SI - RE - FA (trasformazione enarmonica di LAb in SOL#), cioè sensibile di LA Maggiore e minore, oppure in MI# - SOL# - SI - RE, sensibile di FA# Maggiore e minore, o, infine, RE - FA - LAb - DOb, sensibile di MIb Maggiore e minore.

(per le progressioni vedi Lezione n. 18).
Vedi anche la pagina: BASSI (.html)

___________________________
PROVE PRATICHE - Lezione 10

Analisi Settime di tutte le specie (pdf)

 

Le esercitazioni grafiche e sonore sono a disposizione liberamente per l'uso privato. Se utilizzate in occasioni pubbliche si prega di citare la fonte
Armonia in rete
2016
I contenuti del sito, in tutte le sue parti, sono di composizione originale e non soggetti ad alcuna forma di Copyright.
Il materiale accademico è consultabile liberamente (in quanto atto pubblico)


aggiornamento: